MENU

Comune di Carpineto Romano

Pallio della Carriera

Rievocazione storica in costume ambientata nel periodo di maggiore splendore degli Aldobrandini, in particolare sotto il ducato di Donna Olimpia Aldobrandini. 
Il “Pallio” non è solo rievocazione storica, ma momento di forte aggregazione comunitaria, il contenitore del Pallio è l’Agosto Carpinetano ricco di : conferenze, proiezioni cinematografiche, rappresentazioni teatrali artigianali ed enogastronomiche.
L’aspetto enogastronomico è curato minuziosamente durante l’apertura delle sette hostarie rionali. L’obiettivo  è quello di riscoprire le ricette e le tecniche culinarie che sono state alla base dell’alimentazione del ceto nobiliare e popolare.

APPUNTAMENTI CON IL PALLIO

IL Pallio della Carriera viene indetto in Onore della Festa di Sant’ Agostino nostro Patrono, nel mese di Agosto di seguito tutti gli appuntamenti che ci conducono alla disfida equestre all’anulo aereo.

Cena dal Cardinale

La Cena del Cardinale è una sontuosa rievocazione gastronomica inserita nel calendario dei numerosi appuntamenti organizzati dall’Ente Pallio della Carriera e dall’Amministrazione Comunale. Di solito è il prologo, di grande effetto scenografico, ai festeggiamenti del Pallio. E’ diventato un consolidato appuntamento cui sono invitati alcuni amici ed estimatori di Carpineto. Figura centrale della rievocazione è il Cardinale Pietro Aldobrandini, nipote del Papa Clemente VIII (1592-1605). Tra gli interventi adottati per migliorare le condizioni di vita del centro lepino ci fu l’ideazione e la costruzione della Chiesa di San Pietro e l’annesso convento che, affidato ai francescani, divenne un importante luogo di studi filosofici e teologici. In questo edificio, il cardinale Pietro Aldobrandini si fece allestire un appartamento ove alloggiava nelle rare visite a Carpineto. L’incantevole luogo ove soleva ricevere gli invitati, è, appunto, il chiostro seicentesco del convento, impreziosito da una serie di lunette affrescate da F. Serbucci (XVII secolo).
Il numero e la qualità delle portate è frutto di attente ricerche storiche. Il menu’ approntato ogni anno, a rotazione dallo staff delle hostarie rionali, è tematico. Il convito è preceduto dalla sfilata di un policromo corteo i cui figuranti sono il Cardinale Aldobrandini e i suoi dignitari, Donna Olimpia il suo consorte Gian Francesco Aldobrandini e altri scelti personaggi del più nutrito treno storico che sfila il giorno in cui si correrà il Pallio. Il convito è allietato da musiche originali del ‘600.

Imbussolamento

Secondo un antico rito di imbussolamento contemplato negli “Statuti del 1556 (di 40 consiglieri comunali, 10 per ogni parrocchia) presso la chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore (miracolosamente recuperata dei contradaioli al culto religioso), presenti le autorità dell’EPC, gli amministratori Comunali e il popolo, ad ogni Rione Storico in costume verrà assegnato in sorteggio un cavaliere campione uscito da una serie di prove equestri tra i “Cavalieri del ducato”.
L’estrazione dall’urna settecentesca (nella quale si introducono 7 palle rituali), presenziata da un “notaro della terra di Carpineto”, permette un equo abbinamento di cavalieri e cavalli al singolo rione, che da quel momento li avrà in cura rivestendoli dei colori propri. Seguirà una breve cerimonia di benedizione del “pallio della carriera” (rinnovato annualmente), opera di un grande artista di fama internazionale, che gelosamente velato apparirà al pubblico e portato in trionfo per le vie del centro storico (via San Giacomo – via San Giovanni – via Bernardino Pecci Caldarozzi e rione jo Curso) dove lo attenderà Donna Olimpia Aldobrandini, che scenderà da palazzo Aldobrandini e consegnerà i pugnali ai 7 cavalieri campioni prima della presentazione del “pallio” e dei cavalieri nella “platea majore” tra inni ed evoluzioni acrobatiche degli Sbandieratori e Musici dei Rioni Storici.

Feste propiziatorie

Le feste propiziatorie si dividono in Dammonte e Daballe e servono per inaugurare e dare propizio alla prossima disfida equestre. 

 

 

Offerta dei ceri e scoprimento del busto del santo Patrono
Benedizione dei cavalli e bandimento del “Pallio”

Già negli Statuti del secolo XVI, si è ripristinata l’offerta di ceri da parte dei 7 capirione, nobilmente parati, dopo che il celebrante avrà scoperto il busto aureo del santo patrono Agostino, davanti alle autorità civili e religiose ed al popolo plaudente. Al termine il celebrante benedice i 7 cavalli campioni, che difenderanno i colori del proprio rione. Il sindaco ed il presidente dell’Ente Pallio della Carriera indicono la disputa della Carriera. A sera (ore 21) la macchina del santo patrono viene portato a spalla dai confratelli per tutte le vie del paese.

 

 

Corteo Storico

SABATO PRECEDENTE AL 28 AGOSTO
Quattrocento figuranti in costume secentesco, radunati presso la porta della Peschiera, salutano la venuta di Donna Olimpia Aldobrandini nel suo bel ducato. Il treno storico, impreziosito da spettacoli teatrali, ripropone scene di vita secentesca per le strade del feudo, con lo sfarzo dei colori secenteschi rubati al pittore maledetto, il Caravaggio, autore di un quadro posto in San Pietro Apostolo (in momentaneo deposito presso il museo Barberini in Roma).

Percorso:
Porta La Peschiera – Via Dante Alighieri – Piazza camaiti – Via S. Agostino – Via G. Marconi – Via Roma – Via Leone XIII – Via Cavour – Via La Rosa – Piazza Regina Margherita.

 

Disfida equestre all’anulo aereo

DOMENICA SUCCESSIVA AL 28 AGOSTO

Un suggestivo corteo accompagna i visitatori fino allo Campo de li giochi dove, a seguito di spettacoli mozzafiato degli “sbandieratori e musici dei sette rioni storici” e degli “utteri Lepini”, si disputa una gara all’anulo aereo tra i 7 fantini dei 7 rioni storici per la conquista del Pallio.
A termine della disfida equestre presso l’hosteria del rione vincitore grandi festeggiamenti serali accompagnati da fiumi di vino.

PER ULTERIORI INFO:   https://www.palliodellacarriera.it/pallio-della-carriera.html