MENU

Comune di Carpineto Romano

Raccolta dei rifiuti

 

La Raccolta dei Rifiuti è affidata al Consorzio Minerva.

Per Maggiori informazioni consultare il seguente sito http://Www.minervambiente.it/website

 

Fare la Raccolta Differenziata significa innanzitutto ridurre il volume dei rifiuti che vanno in discarica ma anche recuperare materia che può essere riutilizzata.
Nessuno può permettersi il lusso di buttare senza pensare.
La Raccolta Differenziale fa la differenza:
Smaltire correttamente i rifiuti ci aiuta a proteggere l’ambiente e noi stessi: si diminuisce il ricorso alle discariche e agli inceneritori, non si inquina, non si abbattono alberi e si recuperano materiali e risorse.

 

Frequenza di Conferimento:

  UTENZE DOMESTICHE UTENZE NON DOMESTICHE
Umido 3 volte a settimana 3 volte a settimana
Carta 1 volta ogni 2 settimane 1 volta a settimana
Vetro 1 volta ogni 2 settimane 1 volta a settimana
Plastica 1 volta a settimana 1 volta a settimana
Cartoni 2 volte a settimana 2 volte a settimana
Residuo 2 volte a settimana 2 volte a settimana

ORARIO DI CONFERIMENTO: dalle ore 7.00 alle ore 9.00

LUNEDI’MARTEDI’MERCOLEDI’GIOVEDI’VENERDI’SABATO 
UMIDO RESIDUO UMIDO CARTARESIDUOUMIDO
 CARTONIPLASTICAVETROCARTONI 


ORGANICO

Nei cassonetti marroni si mettono:
i rifiuti alimentari, gli scarti di cucina, i residui delle potature, i fiori secchi e le piante.
I rifiuti vanno immessi sempre chiusi in sacchetti, ad eccezione delle potature.

 Nel Cassonetto Marrone confluiscono:
Tutti gli scarti della nostra alimentazione sono sostanze organiche che possono essere recuperate dopo un particolare trattamento, il compostaggio, che li trasforma in terriccio per l’agricoltura.
Naturalmente andranno insieme alle piante, alle potature e all’erba che taglierete dai vostri giardini.Prima di mettere i rifiuti nei cassonetti chiudeteli in sacchetti (questo non vale per le potature).

COSA SI PUO’ METTERE

Scarti della cucina (bucce, pane secco, avanzi di cibo), alimenti (sia crudi che cucinati), avanzi di pasti, biscotti, bucce di frutta, capelli, carne, fiori recisi e secchi, fondi di tè o caffè, frutta/formaggi, gusci d’uovo, lische, noccioli, ossi, paglia, pane, piccole quantità di segatura, semi, stuzzicadenti, tappi in sughero, torsoli, tovaglioli di carta unti, ceneri spente

COSA NON SI PUO’ METTERE

Pannolini, assorbenti, legno trattato, confezioni di alimenti, vaschette, barattoli, retine, cellophane, metalli, materiale non degradabile.

Dove e Come gettare i rifiuti:
Nei cassonetti marroni
I rifiuti organici vanno messi in sacchi ben chiusi. Quest’ultimi vanno all’interno del contenitore marrone. Il contenitore va depositato all’esterno dell’abitazione e viene svuotato dalla ditta 3 volte alla settimana secondo il calendario.

Frequenza e orario di Conferimento:

UTENZE DOMESTICHE: 3 volte a settimane
UTENZE NON DOMESTICHE: 3 volte a settimana

LUNEDI’ MERCOLEDI’ e SABATO DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00

CARTA E CARTONE

Nelle Campane Bianche si mettono:
i giornali e le vecchie riviste, la carta e il cartone, i vecchi libri e quaderni, le scatole e gli scatoloni ben piegati.

Campana Bianca
Recuperare carta e cartone significa risparmiare il taglio di migliaia di alberi, lasciar loro il compito di assorbire anidride carbonica (il temuto gas serra) e continuare a popolare i boschi e le foreste della terra, habitat di migliaia e migliaia di specie vegetali ed animali.
Fortunatamente la carta e il cartone possono essere recuperati facilmente, e mandati alle cartiere che ne faranno nuova carta e cartone.

COSA SI PUO’METTERE

Giornali, riviste, quaderni, scatole, carta da pacchi, carta del pane, cartoni delle pizze se non unti, imballaggi di carta o cartone della pasta, del riso, dei corn flakes, vaschette portauova in cartone, ecc. (tutti i materiali a base di cellulosa).

COSA NON SI PUO’ METTERE

Carta oleata, sporca, unta, bagnata, carta e cartone accoppiato con altri materiali, carta carbone,Nylon, poliaccoppiati per bevande (tetrapak)
piatti e bicchieri di carta, carta forno. Sacchetti di plastica, polistirolo e cellophane.

Dove e Come gettare i Rifiuti
Utilizzare le apposite campane bianche.
Separare giornali e riviste dai loro involucri di cellophane. I cartoni, le scatole e gli imballaggi devono essere ben piegati e schiacciati, per evitare di riempire subito il contenitore con pochi oggetti. La carta da pacchi deve essere pulita, non accartocciata e non legata da fili metallici.

Frequenza e orario di Conferimento:
Carta:
UTENZE DOMESTICHE: 1 volta ogni 2 settimana 
UTENZE NON DOMESTICHE: 1 volta a settimana  
GIOVEDI’ DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00 
Cartoni: 
UTENZE DOMESTICHE: 2 volta a settimana 
UTENZE NON DOMESTICHE: 2 volta a settimana 
MARTEDI’ e VENERDI’ DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00

VETRO

Nelle Campane Verdi si mettono:
Bottiglie, bicchieri (non di cristallo), vasi in vetro.

Campana Verde
La campana ci permette di separare una grande quantità di materiale, in questo modo può essere riciclato con notevole risparmio di materie prime ed energia.
Si tratta di contenitori e di materiali che, se non riciclati, rimarranno per secoli ad occupare spazio nelle discariche. La plastica ha una vita molto lunga, tocca a noi fargliela vivere al nostro servizio nel posto giusto.

COSA SI PUO’ METTERE

Tutti gli imballaggi di vetro: bottiglie, barattoli, bicchieri(non di cristalli, vasi in vetro..etc..

COSA NON SI PUO’ METTERE

Lampadine, neon, specchi, cristalli, occhiali, oggetti in ceramica e porcellana

Dove e Come gettare i rifiuti:
Nelle campane verdi
I contenitori vanno svuotati, non occorre staccare le etichette.

Frequenza e orario di Conferimento:
UTENZE DOMESTICHE: 1 volta ogni 2 settimane
UTENZE NON DOMESTICHE: 1 volta a settimana

GIOVEDI DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00

PLASTICA

Nelle Campane Gialle si mettono:
Tutti gli imballaggi di plastica, pellicole per alimenti, polistirolo, vasi per piante e fiori, sacchetti di plastica per la spesa.

La campana gialla ci permette di separare una grande quantità di materiale, in questo modo può essere riciclato con notevole risparmio di materie prime ed energia.
Si tratta di contenitori e di materiali che, se non riciclati, rimarranno per secoli ad occupare spazio nelle discariche. La plastica  ha una vita molto lunga, tocca a noi fargliela vivere al nostro servizio nel posto giusto.

COSA SI PUO’ METTERE
Quali SI Quali NO
Tutti gli imballaggi di plastica: vaschette di gelato, bottiglie di acqua e bibite, flaconi di shampoo e di cosmetici liquidi, flaconi di detergenti, contenitori di liquidi in genere, reti contenenti frutta e verdura, vasetti di yogurt, cassette di frutta e confezioni di uova in plastica, pellicole per alimenti, polistirolo, vasi per piante e fiori, sacchetti di plastica per la spesa, tubetti vuoti in plastica.

COSA NON SI PUO’ METTERE

Tutto ciò che non è un imballaggio: piatti, bicchieri e posate di plastica, giocattoli, plastica dura, sedie di plastica, tubi e tutti gli oggetti di plastica che non sono imballaggi; tutti quei rifiuti che presentano residui di materiali organici (es.: cibi) oppure colle.

Dove e Come gettare i Rifiuti
Nelle Campane Gialle
Il contenitore va depositato all’esterno dell’abitazione e viene svuotato dalla ditta 1 volta alla settimana secondo il calendario.

Frequenza e orario di Conferimento:
UTENZE DOMESTICHE: 1 volta a settimana
UTENZE NON DOMESTICHE: 1 volta a settimana

MERCOLEDI DALLE ORE 7.00 ALLE ORE 9.00

Rifiuti Indifferenziati ( o Residuo)
Nei cassonetti si mettono:

i rifiuti che non possono essere riciclati, come le lampadine, il polistirolo, pannolini e assorbenti, oggetti in ceramica, stracci sporchi, scarpe rotte.

Altri tipi di rifiuti

Potete restituire i medicinali scaduti alle farmacie e agli ambulatori delle ASL (Aziende Sanitarie Locali), che dispongono degli appositi contenitori per la raccolta differenziata dei farmaci.
Prima di consegnare i medicinali scaduti si consiglia di togliere le scatole e i foglietti illustrativi, che possono essere riciclati con la carta. Potete fare lo stesso per le pillole in flaconi di vetro, destinando i flaconi alla campana verde. Togliendo gli imballaggi ridurrete le dimensioni dei medicinali da portare in farmacia e avvierete al recupero tanti materiali utili.
Fate molta attenzione a non lasciare i farmaci (pillole, flaconi, ecc.) alla portata dei bambini, potrebbero ingerirli con gravi conseguenze!
 
Le bombole esaurite di gas liquido sono potenzialmente molto pericolose e certamente inquinanti.
Quando acquistate una nuova bombola i rivenditori sono tenuti a ritirare quella vecchia. Solo i rivenditori sono autorizzati al ritiro delle bombole usate.
Non lasciate mai le bombole esaurite nei pressi dei cassonetti, né abbandonatele nell’ambiente, sono altamente inquinanti! Non gettatele nei cassonetti!
Le batterie di auto e moto devono essere riportate agli elettrauto, che sono organizzati in Consorzio per il loro corretto smaltimento.
Se vengono comprate al di fuori del circuito degli elettrauto, le batterie esaurite devono essere conferite allo stesso negozio dove vengono acquistate le nuove.
Vi ricordiamo che le batterie esauste contengono pericolosi elementi chimici che inquinerebbero gravemente terreni e acque, perciò non devono assolutamente essere abbandonate su strade o, peggio, in campagna. Sono previste severe sanzioni per colpire tali comportamenti.
 
Quando è arrivato il momento di sostituire le pile ai vostri apparecchi portatili (radio, lettori mp3, telefonini, ecc.) portate quelle vecchie al negozio, che è attrezzato per la raccolta differenziata.
Ricordate che le pile contengono elementi chimici che avvelenerebbero l’ambiente se abbandonati in maniera irresponsabile.
Il cemento amianto, comunemente conosciuto con il nome di “ETERNIT”, si può trovare nelle nostre case sotto forma di:

  • LASTRE E PANNELLI utilizzati per coperture o pareti divisorie  
  • SERBATOI per il deposito di acqua
  • TUBI e CANNE FUMARIE
  • PAVIMENTAZIONI in linoleum.

La presenza di materiali contenenti amianto in un edificio non comporta di per sé un pericolo per la salute degli occupanti. L’amianto è molto pericoloso solo quando le sue fibre si disperdono nell’aria e di conseguenza vengono respirate. Il cemento-amianto, quando si trova all’interno degli edifici, anche dopo lungo tempo, non va incontro ad alterazioni significative tali da determinare un rilascio di fibre, se non viene manomesso.
E’ consigliabile rimuoverlo solo quando non conserva la sua integrità iniziale, cioè quando si iniziano a vedere delle abrasioni che lasciano intravedere le fibre contenute all’interno.
Controlla periodicamente lo stato dei tuo manufatti in cemento-amianto e ricorda che non esistono leggi che ne obbligano la rimozione.